Home » Europa » Italia » Lombardia » Cosa mangiare a Cremona

Cosa mangiare a Cremona: guida alla scoperta della gastronomia della città

Cremona è una città lombarda dove la storia, l’arte e la cultura gastronomica si fondono dando vita ad un bellissimo panorama ricco di diversità e dalle tante sfaccettature.

Se sei già a buon punto nell’organizzazione del tuo viaggio, e ti sei già attrezzato per scegliere l’alloggio e hai già scelto come arrivare in città, ci sono alcune informazioni aggiuntive che devi avere.

Chi organizza un viaggio tra le bellezze artistiche di Cremona sicuramente saprà che la città non è solo palazzi nobiliari e Chiese.

Cremona è infatti conosciuta in tutta Italia anche come la città del torrone.

La tradizione gastronomica di Cremona non è però soltanto legata alla produzione dolciaria.

Le specialità da assaggiare in città sono davvero tante e nei ristoranti del centro storico non avrete difficoltà a trovarle tutte.

Muoviti a Cremona a piedi per i centro storico alla ricerca dei ristoranti tipici e scoprirai delle vere e proprie chicche.


I 5 piatti che devi assolutamente mangiare a Cremona

Quando ci si trova a Cremona per un soggiorno non si può fare a meno di notare come la cucina sia permeante in ogni angolo di strada.

Tra botteghe storiche come il Negozio Sperlari, e ristoranti la cucina è davvero ovunque.

Se ci si trova in città però ci sono alcuni piatti a cui non si può rinunciare. Vediamo quali sono i cinque piatti da non perdere a Cremona.


Tortelli di zucca

tortelli di zucca

Il raviolo è una vera e propria istituzione a Cremona e si trova in molte varietà diverse.

Tra la più conosciuta e apprezzata è il tortello con ripieno di zucca.

Questo tipo di raviolo viene preparato nel periodo autunnale e invernale, quando l’ingrediente principale è di stagione.

I tortelli di zucca vengono rigorosamente preparati a mano ogni giorno nei ristoranti della città.

Solitamente la ricetta tradizionale prevede che il raviolo di zucca venga condito con burro e salvia.

Informazioni utili

Costo: Il prezzo degli scialatielli si aggira intorno ai 8-10 €
Ingredienti: farina, uova, zucca, parmigiano, burro e salvia
Dove provarlo: Ristorante il Violini

Gran bollito cremonese

bollito cremonese

Il gran bollito cremonese è un piatto della tradizione natalizia della città.

Il piatto è da ricondurre ad un periodo in cui la presenza della carne in tavole era esclusiva dei giorni di festa.

Il gran bollito è l’emblema di questo spirito di festa e di condivisione intorno alla tavola.

Il piatto infatti si compone di diversi tipi di carne ( dai tre ai sette diversi) che danno origine ad un piatto gustoso e sostanzioso.

La carne viene bollita in acqua aromatizzata per molte ore e servita con la famosa salsa verde.

La salsa verde si ottiene frullando prezzemolo, mollica di pane, aglio e acciughe.

Spesso il bollito viene accompagnato anche dalla celebre mostarda cremonese.

Informazioni utili

Costo: Circa 15-20€
Ingredienti: diversi tipi di carne, sedano, carota, cipolla
Dove provarlo: Trattoria Cerri

Mostarda

mostarda

La mostarda cremonese è un’altra delle grandi preparazioni tipiche della città.

Si tratta di una preparazione davvero particolare a base di frutta candita che si trova facilmente sulle maggiori tavole della città.

La mostarda cremonese è composta da frutta candita e sciroppo con l’aggiunta di essenza di senape.

Il gusto particolare tra il dolce e il piccante si sposa perfettamente in accompagnamento a carni e formaggi.

Informazioni utili

Costo: La mostarda si può acquistare in barattolo al prezzo di circa 8-15€
Ingredienti:ciliegie, pere, mele cotogne, mandarini, fichi, albicocche, pesche, zucchero, senape
Dove provarlo: Acquistala nelle botteghe alimentari in città o in qualsiasi ristorante delle città

Polenta con formaggio Salva

polenta con formaggio salva

La polenta è un grande protagonista di tutta la cucina del nord Italia e della Lombardia in particolare.

A Cremona sarà facile trovarla come pietanza in abbinamento ad una fonduta di formaggio Salva.

Il Salva è un formaggio a pasta molle che si realizza con il latte delle mucche allevate nelle zone della Pianura Padana.

L’abbinamento con la polenta rende l’insieme davvero gustoso e ricco.

Informazioni utili

Costo: 6-7€
Ingredienti: farina di polenta, acqua , formaggio Salva
Dove provarlo: Hosteria del Cavo

Salame di Cremona Igp

salame di cremona

Il salame di Cremona è un insaccato prodotto con carne di suino macinata e arricchita con aromi.

Questo genere di salume è tipico della città di Cremona ma si trova in genere anche in altre città della pianura padana.

La produzione del salame di Cremona ha radici antiche che sembrano risalire al Duecento, quando il salame veniva prodotto nei monasteri e distribuito ai cittadini nei giorni di festa.

Il sapore del Salame di Cremona è molto aromatico e speziato, l’ideale per essere accompagnato da mostarde e alla frutta fresca.

Informazioni utili

Costo: Il salame di Cremona si trova spesso servito al ristorante insieme ad altri salumi tipici della zona. I taglieri di salumi costano in media dai 7 ai 10€
Ingredienti: Carne di suino tritata, aromi
Dove provarlo: In ogi ristorante della città

Cosa mangiare a Cremona: quali sono i primi da assaggiare?


La tradizione culinaria di Cremona è ricca di primi piatti gustosi e ricchi.

Il grande protagonista dei primi piatti è la pasta ripiena che può essere realizzata secondo diverse preparazioni e ricette diverse.

Vediamo quali sono le più conosciute in città e quali sono i primi da assaggiare in città.


Marubini

marubini

I Marubini sono una delle tipologie di pasta ripiena più famose in città.

Si tratta di pasta fresca all’uovo ripiena con un impasto a base di brasato, impasto di salame cremonese, noce moscata e grana padano.

I marubini hanno una forma simile al tortellino ma più squadrata.

Vengono solitamente cotti e serviti in un brodo realizzato con gallina, manzo o maiale.

Informazioni utili

Costo: 8,00€
Ingredienti: pasta all’uovo, macinato di salame cremonese, brasato, noce moscata, grana padano, brodo
Dove provarlo: Antica locanda Bissone

Tortello cremasco

tortello cremasco

Il tortello cremasco è un tipo di pasta fresca che ha origine nella città di Crema, nella provincia di Cremona.

Il piatto è talmente particolare che anche a Cremona è largamente preparato e consumato.

Si tratta di una forma di pasta ripiena con ingredienti davvero insoliti che rendono il piatto davvero unico e gustoso.

Il ripieno è infatti composto da amaretti, formaggio, mostaccini, uova, buccia di cedro e uva passa.

Il tortello viene solitamente servito con un condimento di burro, salvia e formaggio grana padano.

Informazioni utili

Costo: 8,00€
Ingredienti: amaretti, formaggio, mostaccini, uova, buccia di cedro e uva passa.
Dove provarlo:Trattoria del tempo perso

Cosa mangiare a Cremona: secondi e contorni da non perdere

A Cremona non si mangiano però solo primi piatti e pasta ripiena. La cucina della città prevede anche tantissimi secondi piatti e contorni di verdure.

Tra i più conosciuti abbiamo già parlato del famose bollito cremonese, ma c’è molto altro da conoscere. Quali sono i secondi piatti da assaggiare assolutamente in città?

Cotechino cremonese con polenta e lenticchie

cotechino polenta e lenticchie

Il cotechino cremonese è un piatto tipico della città.

Si tratta di una specie di insaccato di carne in cui sono contenute carni di suino, guanciale, parti della testa, vino rosso, sale, pepe e spezie.

Il cotechino cremonese è conosciuto anche come “vaniglia” proprio per il suo sapore dolce e delicato.

La cottura del cotechino viene fatta in acqua bollente e richiede molto tempo.

Solitamente viene servito con una dose abbondante di polenta e un contorno di lenticchie.

Informazioni utili

Costo: 10-15€
Ingredienti: carni di suino, guanciale, parti della testa, vino rosso, sale, pepe e spezie, polenta, lenticchie
Dove provarlo:Ristorante le scuderie

Ossobuco in umido

ossobuco in umido

L’ossobuco in umido è un secondo piatto molto cucinato in tutto il nord Italia, in particolare anche a Cremona.

L’ossobuco può essere di manzo o di vitello e viene cucinato per molte ore insaporito con un soffritto di verdure e pomodoro.

Il taglio di carne è famoso per appartenere alla tradizione povera e contadina ma oggi ha trovato una nuova dimensione anche nelle cucina più raffinata.

A Cremona di solito si accompagna con polenta o con purè di patate.

Informazioni utili

Costo: 12€
Ingredienti: ossobuco, carote, sedano, cipolla, vino rosso, polpa di pomodoro
Dove provarlo: Ristorante Palio dell’Oca

Cosa mangiare a Cremona: i dolci tipici della tradizione

Abbiamo già parlato della fama della città di Cremona quando si parla di tradizione dolciaria.

In città la celebre azienda a condizione familiare Sperlari ha portato a grande fama un dolce della tradizione Cremonese: il Torrone. Ma in città le delizie da assaggiare sono molte. Vediamone alcune da non perdere.

Torrone cremonese

torrone

Il torrone è un dolce tipico del periodo natalizio che è nato nella città di Cremona ed è arrivato sulle tavole di tutta Italia.

Si tratta di un dolce a base di albume d’uovo, miele e zucchero, e poi farcito con frutta secca.

La ricetta più classica prevede una farcitura di mandorle ma nel tempo si sono sviluppate molte variazioni.

Spesso il torrone è contenuto da due strati d’ostia.

In città il torrone si trova in tutte la pasticcerie durante tutto l’anno e non solo a Natale.

Informazioni utili

Costo: Il prezzo del torrone varia da pasticceria a pasticceria
Ingredienti: albume, miele zucchero e frutta secca
Dove provarlo: Negozio Sperlari

Dolce cremona

torta cremona

La torta cremona è il dessert più conosciuto in città, tanto da portare anche il suo nome.

Il dolce ha un guscio di pasta frolla che contiene al suo interno una buonissima crema aromatizzata alle mandorle e arancia.

Potrete gustare questa tipica torta in tutte le pasticcerie della città o come fine pasto al ristorante.

Se siete in città non perdetevi assolutamente questo dolce.

Informazioni utili

Costo: 5.00€a porzione
Ingredienti: farina, burro, zucchero, mandorle, arancia
Dove provarlo: Pasticceria Sanremo.

I tortelli

i tortelli

I tortelli a Cremona sono il vero protagonista della cucina di tutti i giorni ma anche delle feste.

Le versioni in cui si possono trovare in città sono davvero tante e ne abbiamo già nominate alcune come i Marubini o i tortelli di zucca.

In città vengono organizzate molto spesso, a seconda della stagionalità, diverse sagre, dove i migliori preparatori di tortelli si riuniscono per preparare tutti i tipi di tortelli tipici della città.

Se stai organizzando un viaggio a Cremona consultate l’elenco delle varie sagre che si tengono durante l’anno. Partecipare a questi eventi cittadini è davvero un ottimo modo per entrare in contatto con la vera tradizione cremonese e vedere dei maestri della pasta fresca al lavoro.

Se il periodo della tua vacanza non coincide con nessuna sagra non disperare, in tutti i ristoranti della città potrai trovare facilmente in menù almeno un tipo di tortello.


Street food Cremona

Cremona non è esattamente la città dove andare se si è alla ricerca dello street food. A differenza di molte altre città infatti a Cremona la tradizione del cibo di strada non è molto viva.

In città ci sono molti locali comunque che propongono soluzioni per un pasto veloce, come pizzerie al taglio o friggitorie.

L’unico vero street food della città di Cremona sono le sagre di paese, dove turisti e locali si riuniscono all’insegna del cibo tradizionale.


Cosa mangiare a Cremona a cena?

a Cremona per cena potrai assaggiare il famoso gran bollito cremonese, l’ideale da condividere tra tutti i commensali.

Cosa mangiare a Cremona di economico?

A Cremona potrai trovare molti piatti tipici economici come ad esempio i piatti di pasta ripiena.